Festa della mamma: come apparecchiare la tavola

Festa della mamma: come apparecchiare la tavola

Non hai ancora deciso come apparecchiare la tavola per la festa della mamma? Nessun problema: abbiamo pensato ad alcune idee capaci di adattarsi a tutti i gusti, dal rustico allo shabby chic passando, naturalmente, per l’elegante. Se il menù per il pranzo della seconda domenica di maggio (questa è la cadenza della festa dedicata alle mamme) è già deciso e il nostro Bimby pronto per essere utilizzato, non ci resta che dedicarci all’aspetto estetico della nostra tavola.

Festa della mamma? Prendi ispirazione dalla natura

La scelta su come abbellire la tavola non può trascendere da uno sguardo attento alla natura che, proprio a maggio, si risveglia, regalandoci colori e profumi da cui trarre ispirazione. Un buon punto di partenza è quello di scegliere un colore predominante a cui aggiungeremo uno secondario. Una tavola interamente bianca rischierà di apparire monotona e poco personale, ma accostando due colori insieme otterrai un effetto estremamente chic e anche diverso dal solito, soprattutto se ricorrerai a delle nuance originali.

Via libera alle tinte pastello come il celeste, il rosa, il verde, il giallo e il lilla, da abbinare a delle tonalità più neutre. È possibile osare anche con sfumature più vivide e accese, ma in questo caso l’accostamento con le sfumature chiare è praticamente d’obbligo. Un’idea adatta alla ricorrenza che andremo a festeggiare è quella di scegliere la nuance preferita dalla mamma e di riproporla con le giuste accortezze in base al mood complessivo della tavola, sempre bilanciandola con una tonalità neutra.

Desideri un effetto luminoso e chic? Allora affidati all’eleganza del grigio e del tortora, da mixare insieme al bianco per ottenere un risultato elegante e ricercato: abbina la tovaglia grigia con dei tovaglioli bianchi o viceversa, ravviva il tutto con dei fiori freschi o con delle piccole piante punteggiate di fiorellini bianchi.


Una tavola in stile scandinavo

Un design sempre molto apprezzato è quello di ispirazione scandinava, dove prevalgono la semplicità e le tinte chiare e neutre, in abbinamento con le sfumature del legno, elemento che può essere utilizzato anche come centrotavola o per realizzare dei segnaposto. I colori a cui guardare sono l’avorio, il panna, il crema e, più in generale, tutte le sfumature del bianco. Di questa delicata nuance possono essere i fiori freschi, la tovaglia e le candele, accessori indispensabili per rendere più scenico tutto l’insieme.


Una tavola in stile provenzale

Se ami la primavera, con i suoi fiori e colori, potresti preferire una tavola in perfetto stile provenzale: in questo caso, tira fuori dal cassetto della credenza una tovaglia in lino o in cotone, scegli un servizio in porcellana con dei disegni leggeri, sistema delle posate in acciaio e utilizza i tuoi bicchieri di cristallo o di vetro. A dare colore alla tavola ci penseranno le sfumature dei piatti (bianco, rosa, giallo, glicine o blu) e il centrotavola, che sfoggerà dei fiori freschi nei medesimi colori.


Una tavola in stile rustico

Una tavola rustica in primavera può essere un’idea perfetta: l’elemento principe sarà, naturalmente, il legno. Se disponi di un bel tavolo ricco di venature, esaltalo omettendo la tovaglia e usando dei sottopiatti di paglia. Le porcellane migliori, per contrasto, sono quelle totalmente bianche; allo stesso modo, il design dei bicchieri dovrà essere il più possibile discreto e lineare. Il centrotavola, come tutto il resto, sarà una composizione semplice che non rinuncerà all’eleganza.


Una tavola in stile shabby

Lo shabby chic si è imposto negli ambiti più disparati e l’apparecchiatura non poteva certo fare eccezione. Col suo look romantico, poi, si presta particolarmente a una festa come quella della mamma (a patto, naturalmente, che alla festeggiata piaccia). In questo caso alle delicate tinte pastello, che si sposano bene col periodo, accosteremo elementi vintage o preziosi, come tovaglie ricamate della nonna, posate color argento o dorate con elementi decorativi, porcellane chiare abbellite con delle rifiniture in oro e sottopiatti che riprendano i colori dei fiori messi come centrotavola – a questo proposito non sottovalutare il potere evocativo e la bellezza delle rose. Il tocco finale? Confetti sparsi e segnaposto in vetro.


I dettagli per una tavola dedicata alla mamma davvero perfetta

Una volta scelto lo stile con cui addobberai la tua tavola, non ti resterà che curare a fondo i dettagli.

Creare un centrotavola con le nostre mani è questione di occhio, ma anche e soprattutto dell’idea giusta. Se desideri staccarti un po’ dalla classica composizione, affidati una volta di più a quell’esplosione di colori e di profumi che è la primavera: basta un cestino arricchito con le fragole, le albicocche o dell’altra frutta di stagione a piacere ravvivato da qualche elegante rosa, dai gigli o dai meravigliosi tulipani per ottenere un risultato chic e attuale.

Allo stesso modo, è possibile creare dei divertenti segnaposto sia sfruttando i tradizionali cartoncini che ideando qualcosa di più complesso: per esempio, tazze, bicchieri e vasetti possono essere riempiti con una piccola decorazione floreale: a te la scelta se realizzarne di un solo tipo per tutti o se personalizzare ogni segnaposto. Dato che parliamo della festa della mamma un’idea molto dolce è quella di omaggiarla in prima persona, magari decorando la tavola o realizzando ogni segnaposto con una sua foto insieme ai bambini quand’erano ancora piccoli.

?>